In evidenza - Prima pagina

Intervista a Rolando Di Marco, neocampione del Mondo di Cross Country e proprietario di uno store Intersport

Intervista a Rolando Di Marco, neocampione del Mondo di Cross Country e proprietario di uno store Intersport

E’ un onore per noi raccontare il successo ottenuto da Rolando Di Marco, neocampione del Mondo di Cross Country e proprietario del negozio Intersport di Viterbo. Per celebrare al meglio il suo strepitoso traguardo, abbiamo deciso di intervistarlo e di farci raccontare quali siano le principali strategie che lo hanno aiutato a raggiungere un risultato cosi eccellente. Buona lettura!

 

Ciao Rolando, innanzitutto congratulazioni per lo straordinario traguardo conseguito ai mondiali di Cross Country di Malaga. In secondo luogo, ci incuriosiva sapere come e quando sei arrivato ad aprire il tuo negozio sportivo?

“Grazie mille per i complimenti. All’epoca ero iscritto all’ISEF dell’università di Cassino, e in quel periodo l’università non era ancora statale ma dicevano sempre che da lì a poco lo sarebbe diventata. Constatando che con il passare del tempo questa trasformazione non avveniva, decisi di rivolgermi a mio padre che lavorava all’Eni a Roma e gli chiesi se poteva sovvenzionarmi per aprire un negozio di articoli sportivi. Questa era un’idea che, in realtà, cullavo già da tempo in quanto da appassionato di corsa frequentavo diversi negozi di sport e mi intrigava l’idea di aprirne uno tutto mio. Mio padre mi diede 10 milioni di lire e riuscii ad aprirlo.”

Come concili il tuo lavoro con la passione per lo sport?

“Partiamo dal presupposto che amo il running e lo vivo come passione pura. Ho capito che nella vita mi ha fatto bene prima a livello mentale e poi a livello fisico. E’ tutto merito della corsa se oggi sono arrivato a 68 anni e mi sento ancora un ragazzino. Mi alzo tutte le mattine alle 4.40/4.45 per andarmi ad allenare alle 5.15 insieme ad altri 3/4 ragazzi che mi aiutano durante l’attività fisica. Da solo non sarei nessuno e non potrei fare nulla, invece ho degli amici veri, i quali mi aiutano e mi sorreggono soprattutto negli allenamenti.”

 

Raccontaci la tua passione per il Cross Country

“Mi piace spaziare in più di una specialità, non mi limito solo al Cross Country. In passato ho vinto sia titoli su pista che su strada, tuttavia il fatto di avere un fisico minuto ed essere piccolo di statura mi ha sempre facilitato nelle gare di Cross Country. Il percorso che ho affrontato a Malaga, dove mercoledì scorso ho vinto il mondiale, era caratterizzato da saliscendi, curve e controcurve che sono più facilmente percorribili da una persona con il mio fisico piuttosto che da un’altra che presenti una statura elevata.”

 

Quali sono i tuoi consigli must per chi vuole avvicinarsi a questa disciplina?

“Preferisco parlare della corsa in generale. Visti i grandi benefici che questa ha portato nella mia vita, alle persone che vengono in negozio da me consiglio sempre di avvicinarsi a questo meraviglioso sport. L’importante è cominciare piano piano e salire gradualmente: io dico sempre che l’unico modo per costruire palazzi solidi è sedimentare delle fondamenta importanti. In definitiva, l’importante è iniziare lentamente e poi lavorarci su: fare le salite, le ripetute, i medi, insomma fare degli esercizi che col tempo ti consentono di arrivare ad alti livelli.”

 

Grazie Rolando per la disponibilità e ancora complimenti per il mondiale conquistato!

“Grazie a voi per avermi permesso di raccontare le mie grandi passioni e buona corsa a tutti!”